35d4b46f52eb6ac328bd4f9d2766c445_LVenerdì 5 luglio, dalle ore 18 presso l’Ex Mutua Occupata in Via Orfanotrofio, si terrà il dibattito/convegno dal titolo “L’opportunità della canapa“, con la partecipazione di Cesare Quaglia, del direttivo nazionale AssoCanapa, la dottoressa Tamara Tassinari, educatrice alimentare, il dottor Fabrizio Manca, che si occupa di medicina integrata e il dottor Mario Malandrone, dream social designer.

Dalle 20 seguirà cena a base di canapa.

 

“La coltivazione della canapa come risorsa rinnovabile per un’agricoltura naturale ed innovativa – spiegano da AssoCanapa – fornisce un aiuto efficacie al contrasto dell’inquinamento ambientale, riduce i costi energetici e difende la biodiversità, occasione di sviluppo delle imprese nei settori dell’edilizia e dell’alimentare. E’ pianta rinnovatrice per eccellenza, adatta per la rotazione colturale. Si adatta a tutti i terreni, anche collinari non troppo in pendenza. Non soffre le gelate tardive. Ha un’emergenza veloce che soffoca tutte le infestanti”.

“Inoltre – continua la spiegazione delle linee guida del dibattito – non si impiegano diserbanti, antiparassitari e non serve irrigazione: da una pianta antica costruire sano il nostro futuro. Dalla trasformazione delle paglie di canapa si ottengono prodotti per l’edilizia, fibra tecnica e canapulo sono i prodotti trasformati con quali si ottengono materiali dall’agricoltura per l’edilizia naturale: materiali da costruzione rinnovabili, isolanti termo-acustici, mattoni ed intonaci isolanti per le nuove costruzioni e la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, una filiera agro-industriale che nel suo intero ciclo sottrae CO2. Senza dimenticare l’uso alimentare dei semi di canapa e dei suoi derivati (olio e farina) grazie ai contenuti nutraceutici ne fanno un vaccino nutrizionale riconosciuto a livello internazionale (OMS-Ministero della Salute), e le materie prime naturali per prodotti trasformati ad uso alimentare”.

Fonte: Assocanapa

commenti su facebook