canapa coltivazioneIl giorno 20 luglio 2013, si è tenuta ad Ispica (RG) la prima giornata informativa sulla canapa industriale dal titolo “Canapa da fibra, una coltura innovativa per uno sviluppo eco-sostenibile”.

Grazie al contributo dell’Assessorato alle Risorse Agricole ed Alimentari della regione Siciliana, noi della Sicilcanapa abbiamo iniziato questo percorso di informazione, a seguito delle numerose richieste di collaborazione e di informazione riguardanti la filiera della canapa.

Abbiamo affrontato i vari temi legati alla coltivazione della canapa: dall’aspetto legale, ai conti economici, dalle informazioni relative alla valenza nutrizionale dei prodotti alimentari della canapa, all’aspetto legato all’agricoltura, alla botanica e alle tecniche di coltivazione e ai materiali che con la canapa industriale è possibile realizzare.

Lo scopo delle giornate informative è quello di parlare di fatti, di cose concrete. Scambiare informazioni pratiche, sentire le aziende che potrebbero impiegare la canapa nei loro processi di produzione, concentrare azioni che investano l’opinione pubblica e gli enti locali, per diffondere la coltivazione della canapa in Sicilia e far crescere la cultura del sostenibile e del naturale. Sicilcanapa, come Assocanapa, CanaPuglia, Lucanapa e tante altre realtà regionali, lavora con i prodotti derivati di canapa, alimentari e industriali, la cui domanda sul mercato è sempre maggiore ed in continua crescita, ma con una disponibilità di materia prima insufficiente.

Riteniamo che sia dunque possibile rilanciare l’economia Siciliana a partire dalla coltivazione della canapa, dallo sviluppo delle ricerche sui diversi possibili impieghi, fino alla costruzione di filiere di trasformazione. Il proibizionismo contro una pianta capace di avere 5.000 applicazioni, nota ai più solo per il suo uso ludico-ricreativo, aveva soppresso anche tutti gli altri utilizzi che di essa si possono fare.

La canapa permette di migliorare i terreni in cui viene coltivata e quindi è perfetta per essere inserita in rotazione agricola, tra le coltivazioni di cereali. Non necessità di pesticidi ne di concimi chimici. La coltivazione della canapa non ha risvolti positivi solo nell’ambito agricolo: grazie ai numerosi derivati della canapa si potrebbe creare un indotto lavorativo a partire dalla trasformazione di questo vegetale dal quale si ricavano materiali edili, tessuti, materiali ecologici sostitutivi della plastica; oltre che a derivati alimentari il cui valore nutrizionale è riconosciuto dal Ministero della Salute con circolare del 22 maggio 2009.

Autrice: dottoressa Stefania Martorina – Amministratore Unico Sicilcanapa

Pubblicato su Dolce Vita n°48 – settembre/ottobre 2013

 

commenti su facebook