hemplimehouseBill e Anne Smith architetti e membri dell’AECB, Association for Environment Conscious Building, un network di persone che si dedicano alla diffusione dell’edilizia ecosostenibile, per la loro abitazione hanno scelto i biomattoni di canapa e calce.

Il materiale è stato fornito dalla Hemcrete Projects, compagnia di Oxford del gruppo Lime Technology. Gli architetti sottolineano come il materiale, capace di catturare più CO2 nell’atmosfera di quella che viene prodotta per la lavorazione, offre anche una combinazione unica di isolamento e inerzia termica, le proprietà che si combinano per creare edifici con ambienti interni molto stabili che richiedono molto poco di riscaldamento o raffreddamento.

Dopo tre anni gli Smiths sono ancora felici. “Abbiamo una casa deliziosa, contemporanea, che ha emissioni di carbonio pari a zero dal primo giorno e che è stata realizzata molto meglio di quanto ci aspettassimo. Le sue qualità rendono la casa molto confortevole e pratica nella quale l’aria non diventa mai pesante. Le pareti non solo respirano, ma permettono al vapore acqueo di passargli attraverso, aiutando passivamente a regolare l’umidità e la temperatura. E quindi la casa rimane fresca d’estate e calda d’inverno”.

Il solo riscaldamento necessario per la casa unifamiliare a due piani è una stufa a legna con caldaia. E, mentre è presente un sistema di recupero del calore per quando fa freddo, nei mesi più caldi l’unità viene spenta e la ventilazione naturale è tutto ciò che è necessario per mantenere quello che i proprietari descrivono come un ambiente di vita “molto piacevole”.

Costruire con la canapa e calce ha superato le loro aspettative anche riguardo ai costi di gestione. Con solo il legno necessario per riscaldare la casa, cinque pannelli fotovoltaici e due pannelli solari sul tetto esposto a sud, i costi netti per l’elettricità sono pari a zero. Le strutture sopra a questi pannelli consentono di immagazzinare il calore mentre un sistema di raccolta dell’acqua piovana per gli scarichi dei bagni aiuta a consumare meno acqua, tagliando anche la relativa bolletta.

Costruita nel giardino della loro ex casa, la nuova struttura è a due piani, con doppi vetri sia all’entrata sia all’ingresso dal giardino, completata da intonaco in calce al piano inferiore e rivestimento in rovere non trattato al piano superiore. La casa è stata progettata per soddisfare le esigenze di una coppia di anziani con un ampio soggiorno, la cucina che si apre su un patio, un ripostiglio, bagno con doccia e studio al piano di sotto. Al piano superiore due camere da letto, una con un balcone con vista sul giardino, un ripostiglio e ampio bagno. Lo studio al piano di sotto è progettato per essere convertito in una camera da letto. Al telaio in legno fanno eco gli interni in quercia e l’ampia vetrata rende la casa molto luminosa.

I consumi di energia sono bassi rispetto ai costi di gestione normalmente associati ad una nuova casa convenzionale e gli occupanti sono pronti a sottolineare quanto apprezzano l’ambiente che la canapa sembra creare in tutte le stagioni. I mattoni in canapa e calce prodotti dall’azienda sono ora disponibili in un sistema di pannelli  pre-essiccati in fabbrica per rendere il processo di costruzione più facile e veloce.

Fonte: Greenbuildingpress.co.uk

Redazione Canapaindustriale.it

commenti su facebook