hemp1_xlargeNel 1980 The Ecologist ha pubblicato un numero speciale “dedicato ai mille usi di quella meravigliosa pianta che è la canapa”. Oggi che sono passati 34 anni, Thomas Prade, che è un ricercatore  dell’Università svedese di scienze agrarie, analizza su The Conversation la coltura a livello industriale anche dal punto di vista della produzione di bioenergia. 

La bioenergia è attualmente la fonte più rapida di approvvigionamento di energia rinnovabile. Può diminuire la dipendenza dalle risorse fossili e può mitigare il cambiamento climatico. Ma alcune colture di biocarburanti hanno effetti ambientali sfavorevoli: usano troppa acqua e possono creare più emissioni di quante ne riducano. Questo ha portato ad una domanda di colture ad alto rendimento energetico e basso impatto ambientale. Ed è esattamente ciò che si dice della canapa industriale.

Gli appassionati hanno promosso l’uso della canapa industriale per la produzione di bioenergia da molto tempo ormai. Con il suo potenziale alto rendimento di biomassa e la sua idoneità a inserirsi in rotazione nelle colture esistenti, la canapa potrebbe non solo essere complementare, ma superare le altre colture energetiche attualmente disponibili.

La canapa, Cannabis sativa , originaria dell’Asia occidentale e dell’India e che da lì si diffuse in tutto il mondo. Per secoli, le fibre sono stati usate per fare corde, vele, stoffa e carta, mentre i semi sono stati utilizzati per gli alimenti ei mangimi ricchi di proteine. L’interesse per la canapa è diminuito quando altre fibre come sisal e iuta l’hanno sostituita nel corso del 19esimo secolo.

Dopo il divieto di coltivazione imposto dalle Nazioni Unite nel 1961 e la revoca del divieto nel 1990 nell’Unione europea, l’industria della canapa è riemersa in Canada e poi in Australia. Oggi vengono coltivate varietà con bassissimi contenuti di THC per utilizzo industriale. Tuttavia la coltivazione della canapa industriale è ancora vietata in alcuni paesi industrializzati come la Norvegia e gli Stati Uniti.

hemp-briquettes-lgL’uso di energia dalla canapa industriale è oggi molto limitato. Ci sono pochi Paesi in cui la canapa è stato commercializzata come coltura energetica. La Svezia è uno di quelli e ha una piccola produzione commerciale di bricchette di canapa. Le bricchette di canapa sono più costose delle bricchette a base di legno, ma vendono abbastanza bene sui mercati regionali.

Sono stati suggeriti utilizzi energetici della canapa anche su larga scala. La produzione di biogas dalla canapa poteva competere con la produzione di granturco, soprattutto nelle regioni a clima freddo come il Nord Europa e il Canada. La produzione di etanolo è possibile da tutta la pianta della canapa e il biodiesel può essere prodotto da olio spremuto dai semi di canapa. La produzione di biodiesel da olio di semi di canapa ha dimostrato avere un impatto ambientale globale molto inferiore rispetto al gasolio fossile.

Infatti, i benefici ambientali della canapa sono stati più volte sottolineati, dal momento che la coltivazione della canapa richiede quantità molto limitate di pesticidi. Pochi insetti vivono nelle colture di canapa e le malattie fungine sono rare. Inoltre le piante diventano troppo grandi per le erbacce, una caratteristica interessante soprattutto per gli agricoltori biologici. Anche se, come con qualsiasi altra coltura, ci vuole buona pratica agricola per coltivare la canapa.

La canapa si adatta molto bene alle rotazioni delle colture. Può funzionare come una coltura di pausa, riducendo il numero di parassiti, in particolare nella produzione di cereali. Gli agricoltori interessati alla coltivazione di colture energetiche sono spesso titubanti alla scelta di trasformare la propria produzione in campi di colture energetiche perenni come il salice. La canapa, grazie alla sua elevata auto-tolleranza, anche se coltivata per due o tre anni nello stesso campo non comporta significative perdite di rendimento di biomassa.

La produzione su piccola scala di bricchette di canapa si è dimostrata economicamente fattibile. Tuttavia, l’utilizzo dell’intero raccolto di canapa (o qualsiasi altra coltura) per la produzione di energia non è la soluzione globale. Prima di produrre energia dai residui è sicuramente più ecologico usare fibre, oli o altri composti di canapa. Anche l’energia nei prodotti della fibra può essere utilizzata quando questi diventano rifiuti. Riciclare le sostanze nutritive, come ad esempio in residui di biogas, può contribuire alla diminuzione di emissioni di gas serra derivanti dalla produzione delle colture.

La produzione di bioenergia sostenibile non è una cosa semplice, e sarà necessario diversificare le colture. La canapa industriale forse non è la miglior soluzione per questo scopo, eppure, se coltivati ​​su terreno buono può certamente essere una coltura ecologica per la produzione di bioenergia e per tutti gli altri usi industriali.

Articolo originale qui

Redazione Canapaindustriale.it

commenti su facebook