hemp-vs-cottonRichard Fagerlund ha oltre 40 anni di esperienza nella gestione di specie nocive per le piante, ha insegnato Entomologia all’Università del New Mexico e tiene seminari di formazione per le società di controllo dei parassiti in Messico da oltre 15 anni e, oltre a scrivere su giornali, ha pubblicato due libri sulla gestione integrata dei parassiti.

In questi giorni l’Albuquerque Journal ha pubblicato un suo intervento nel quale spiega come mai la canapa industriale sia più efficiente del cotone, più competitiva dal punto di vista di possibili applicazioni e, soprattutto, più ecosostenibile come coltivazione.

“Circa 3 miliardi di dollari di pesticidi sono utilizzati ogni anno nel mondo per coltivare il cotone, secondo il Pesticide Action Network, e le vendite e gli usi del prodotto sono in aumento. In tutto il mondo il cotone svolge un ruolo vitale nelle economie di decine di diversi Paesi”.

“Molti dei pesticidi usati sul cotone hanno avuto implicazioni nello sviluppo di tumori, nella contaminazione dell’acqua, nella degradazione del suolo e nell’uccisione di vari animali. Nel 1991, un treno carico di metam sodio, utilizzato come sterilizzante per il terreno prima di piantare il cotone, deragliò e versando il contenuto nel fiume Sacramento causando la morte di ogni organismo vivente nel fiume per 40 chilometri. Pochi anni dopo forti piogge hanno lavato l’endosulfan – sostanza chimica da campi di cotone – e ucciso quasi un quarto di milione di pesce”.

bugmansmall“D’altra parte – continua Fagerlund ( nella foto) nel tentativo di indicare un’alternativa – c’è un prodotto che è molto più efficiente e molto più prezioso del cotone. Questo prodotto è la canapa industriale. Durante la seconda guerra mondiale la canapa è stata sovvenzionata dal governo per essere utilizzata nella produzione di fibra e corda. La canapa industriale ha continuato ad essere raccolta negli Stati Uniti fino al 1950, quando la mancanza di senso comune ha avuto la meglio sul governo”.

“Utilizzando canapa invece che cotone si utilizzerebbero il 25% in meno dei pesticidi attualmente impiegati. Sarebbero risparmiati moltissimi alberi che non dovrebbero più essere tagliati. La coltivazione del cotone è probabilmente il più grande inquinante del pianeta in termine di rilascio di pesticidi nel nostro ambiente poiché, occupando solo il 3% dei terreni agricoli del mondo, esige il 25% dei pesticidi utilizzati in totale. Le sostanze chimiche vanno nelle acque sotterranee e il veleno non ha come bersaglio solo gli insetti, ma tutti gli organismi, compresi gli esseri umani. Inoltre la fibra di canapa è più lunga, più assorbente, resistente e isolante della fibra di cotone”.

“Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, la canapa è il produttore di combustibile da biomassa che richiede meno specializzazione sia nella coltivazione, sia nella trasformazione di tutti i prodotti vegetali. Gli idrocarburi in canapa possono essere trasformati in una vasta gamma di fonti di energia da biomassa, dal pellet ai combustibili liquidi e a gas. Ovviamente lo sviluppo dei biocarburanti potrebbe ridurre significativamente il nostro consumo di combustibili fossili e l’utilizzo di energia nucleare”.

“La canapa produce anche più polpa di legno per acro, e può essere utilizzata per la produzione di carta. Inoltre , la produzione della carta di canapa contribuirebbe a ridurre la contaminazione delle acque reflue.

“Un’altra opzione – conclude lo studioso – sarebbe quella di coltivare biologicamente il cotone. Senza pesticidi, fertilizzanti o diserbanti come accade nella coltivazione del cotone organico. Il cotone che dipende da sostanze chimiche non è più necessario e dobbiamo pensare seriamente ad aumentare il nostro rendimento di cotone biologico e l’utilizzo di canapa industriale. Crescere cotone con pesticidi e fertilizzanti ha sicuramente più effetti negativi che positivi, e se vogliamo vivere in un ambiente sano abbiamo bisogno di rivalutare le nostre priorità su ciò che stiamo coltivando“.

Redazione Canapaindustriale.it

commenti su facebook