HempitectureMatthew Mead e il suo socio Tyler Mauri dopo il college hanno lasciato il New Jersey e viaggiato in tutto il continente per raggiungere la loro nuova casa a Sun Valley nell’Idaho, dove stanno creando il primo edificio pubblico in canapa e calce di tutti gli Stati Uniti.

L’Hempcrete è l’equivalente del nostro biomattone ed è costituito dall’unione della canapa con un legante come la calce per creare un materiale da costruzione naturale che non è solo carbonio negativo (assorbe CO2 dall’atmosfera) e isolante, ma è anche ignifugo e resistente a muffe e parassiti, oltre a garantire un’ottima efficienza energetica.

In Usa esistono abitazioni private realizzate in canapa e calce, ma sono abbastanza costose da costruire perché nonostante la canapa industriale e i suoi derivati siano disponibili sul mercato americano, vengono importati dall’estero facendo salire il prezzo del materiale. Tuttavia il passaggio del Farm Bill di febbraio ha permesso la coltivazione a scopo di ricerca scientifica e così la società dei due ragazzi, Hempitecture, ha avuto il via libera per realizzare il proprio progetto.

Hempitecture 2

Mattew Mead e Tyler Mauri

L’idea per la loro nuova società, Hempitecture, è stata sviluppata nel 2013, mentre Mead e Mauri erano ancora al college. “Ho sentito che c’era un forte legame tra gli studi e l’architettura ambientale e le due cose avevano bisogno di essere collegate”, ha raccontato Mead a Cannabis Now magazine puntualizzando che: “Non si può separare il design dalla considerazione per l’ambiente”.

Mead sostiene che tutta la sua ricerca continuava a portare alla canapa, che lui considera “il miglior materiale da costruzione sul pianeta” e così ha iniziato una ricerca per trovare un modo per farne un materiale da costruzione onnipresente. Mentre Mead stava ancora sviluppando Hempitecture, è stato contattato da Idaho Basecamp, un’organizzazione che si descrive come “una struttura dedicata alla formazione , espressione creativa e lo sviluppo di un rapporto sostenibile con la natura”.

La partnership è nata e il progetto è stato trasferito a Sun Valley per preparare le fondamenta dell’edificio che verrà utilizzato da Idaho Basecamp per: “Ritiri yoga, campi ambientali, residenze d’artista, avventure all’aria aperta e da coloro che cercano rifugio in Idaho 12 mesi l’anno”.

Hempitecture 3“Un edificio in canapa si sposa perfettamente con la visione di vivere in equilibrio con la natura “, dice Mead che insieme a Mauri sta lavorando con il noto architetto Dale Bates. Bates si occupa di bioedilizia e progettazione sostenibile da 35 anni ed è il fondatore di Living Architecture, con sede nella vicina Ketchum. ”E’ una risorsa così preziosa: è così aperto e ricettivo a costruire con la canapa perché capisce che è una pratica edilizia ecosostenibile, mentre un sacco di altri architetti non prende in considerazione questa opportunità”. 

Il prossimo passo è quello di raccogliere 25 mila dollari attraverso una campagna Kickstarter lanciata di recente. Se 25mila dollari possono sembrare pochi, è perché il progetto è in gran parte finanziato: “Con questa campagna vogliamo integrare la raccolta fondi di Idaho Basecamp , che ha un budget per questo edificio. Serviranno per acquistare la materia prima e finanziare un paio di altri piccoli aspetti di questo progetto di costruzione”. Secondo il ragazzo, se la campagna ricevesse più fondi di quelli previsti sarebbe l’ideale perché consentirebbe loro di realizzare un obiettivo più ampio, finanziando la ricerca e la prototipazione di processi e miscele che potrebbero aprire la strada per la costruzione in calce e canapa a livello nazionale.

“Vogliamo materiali locali per non essere costretti ad ordinare tutto – conclude Mead – considerando il viaggio che dovranno fare e i danni per l’ambiente. Con questo progetto stiamo creando un esempio. Se si può costruire in Idaho dove cinque mesi dell’anno la temperatura non sale sopra lo zero e ci sono valanghe e terremoti, si può veramente pensare di costruire con la canapa ovunque sulla terra”.

Redazione Canapaindustriale.it

commenti su facebook