Maximum HempUn nuovo concetto di laboratorio rurale grazie ad un luogo di produzione, di ricerca, di protezione dell’ambiente e di Canapa.

L’idea è del marchigiano Alberto Stortini, che dopo 16 anni passati a lavorare nel marketing, ha deciso di dedicarsi alla canapa per la produzione di seme nei Monti Sibillini, nella splendida cornice del Lago di Fiastra in provincia di Macerata.

X-LAB sarà alimentato da energia solare ed eolica, dotato di un sistema di raccolta delle acque piovane e costruito con materiali innovativi e sostenibili.

X LABLa struttura è divisa in due elementi principali: la serra per lo studio e la selezione genetica, il laboratorio per la trasformazione dei semi di canapa e la ricerca alimentare. È stato progettato per essere smontabile e trasportabile, nessuno scavo, nessun cambiamento del terreno, consumo zero di territorio e ovviamente X-LAB sarà realizzato in canapa. Un laboratorio per la canapa alimentare di qualità aperto a chi vorrà contribuire al suo sviluppo e condiviso con la rete delle piccole aziende agricole locali.

alberto-stortini

Alberto Stortini

“X-LAB è parte integrante di MAXIMUM HEMP”, spiegano dall’azienda con un comunicato, sottolineando che si tratta di “un progetto condiviso per l’agricoltura sostenibile. Fino al 25 settembre sarà possibile sostenere il progetto sul noto portale Kickstarter, diventare co-fondatori e ricevere delle fantastiche ricompense made in canapa”.

“Il progetto MAXIMUM vuole essere di aiuto all’economia dei piccoli paesi montani dell’Italia centrale”, racconta l’ideatore puntualizzando che: “L’intento è quello di riportare in auge una coltura sostenibile che si adatta perfettamente al clima italiano e dai mille usi.”
Redazione canapaindustriale.it

commenti su facebook