Impianto trasformazione CrispianoCon un secondo impianto di trasformazione che, dopo quello di Carmagnola in Piemonte per il centro-nord, diventerà il punto di riferimento per il centro-sud, la canapa industriale si pone a tutti gli effetti come un nuovo modello di sviluppo.

L’inaugurazione, come avevamo anticipato, si è tenuta il 30 agosto a Crispiano, alla presenza del direttivo di Assocanapa, di Rachele Invernizzi, collaboratrice dell’associazione e titolare di South Hemp Tecno che gestisce l’impianto, dell’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Fabrizio Nardoni e del presidente della Regione Nichi Vendola.

L’impianto, che andrà a regime con 16 ore di produzione giornaliere a ciclo continuo, realizzerà principalmente un prodotto miscelato per la bioedilizia.

“Questa fabbrica che parte – ha sottolineato Vendola – consente di trasformare la canapa in materiali edilizi. La bioedilizia, ad esempio, mirata ai processi di efficientamento energetico soprattutto delle periferie, è un mondo intero che apre davanti ai nostri occhi. La buona agricoltura, la buona edilizia, la buona economia, si nutre di ecologia. Questa – ha aggiunto – è un pezzettino delle tante lezioni che si possono apprendere restituendo onore alla canapa e facendo del bene a noi stessi, risanando terreni inquinati, dando lavoro”.

Per l’assessore Nardoni: “Nasce una economia importante, un ritorno al passato, ma cercando di tutelare la salute e l’ambiente. Poi in questi territori particolarmente danneggiati dal punto di vista ambientale, la piantumazione della canapa permette di tornare a utilizzare questi terreni e con le colture bonificare il terreno stesso”.

Secondo Tarantobuonasera.it a tal proposito l’assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia sta predisponendo nell’ambito del documento di programmazione 2014-2020 gli strumenti economico-finanziari per sostenere lo sviluppo dell’agricoltura (coltivazioni bio-riparatrici, produzione di biomassa) anche nei territori a ridosso di grandi insediamenti industriali o in aree Sin.

Redazione Canapaindustriale.it

commenti su facebook